MUG Coworking
article image
NOW ONGOING
24_06_19

Mug - Magazzini Generativi a Bologna è una nuova smart working area tecnologicamente avanzata, pensata come hub per gli innovatori che si occupano di economia circolare e di innovazione sociale, promossa da Emilbanca. Sarà l’habitat ideale per sviluppare progetti d’impresa votati ad impattare e a produrre cambiamento positivo. Un luogo speciale ed un sistema di servizi pensati per una community che genera innovazione, impresa e progetti per il futuro. Slow/d ha progettato lo spazio attraverso un nuovo approccio di elaborazione dei dati dell'esperienza utente.

MUG Bologna è uno  spazio di coworking e hub dell'innovazione sociale che Slow/d ha progettato per Emilbanca tra il 2018 e il 2019, sperimentando un nuovo approccio data-driven per la generazione dei sistemi relazionali e di servizio, portando l'architettura a dialogare con i dati in modo significativo.

MUG è un progetto ambizioso per un coworking che cercherà di qualificare la propria community al centro della scena dell'innovazione regionale. L'intento è quello di intercettare i nuovi changemaker, i portatori di cambiamento, mettendoli nelle condizioni di seminare sul territorio nuove progettualità affiancandoli con servizi, partner e piattaforme relazionali internazionali.

Dal sito ufficiale, MUG è in cerca di "changemaker, startupper, professionisti, studenti, developer, freelance, creativi, designer, imprenditori, consulenti, nomad worker che hanno il desiderio di dare il loro contributo al cambiamento, che hanno bisogno di un luogo flessibile di lavoro, di servizi tecnologicamente avanzati per realizzare meeting, teleconferenze, eventi e che vogliono individuare altri partner con cui collaborare per realizzare progetti e generare innovazione."

Slow/d si è occupata della progettazione del concept innovativo per il riuso del vecchio stabile i cui locali erano adibiiti a magazzini, seguendo il progetto architettonico fino alla fase di art direction affiancando la direzione lavori e coordinando fornitori e artigiani, monitorando qualità e scelte di dettaglio.

Attraverso l'analisi dell'esperienza dei vari gruppi di target è stato modellato un approccio quantitativo e qualitativo che permettesse di preparare il design degli spazi ed il design dei servizi in maniera ottimale, soprattutto in un contesto denso di tecnologia che permetterà agli utenti di fruire dei diversi momenti e servizi attraverso un'unica applicazione mobile, fortemente interattiva rispetto alle superfici ed agli spazi.

 

MUG Bologna UX user journey 1

 

L'architettura ha poi preso vita in un dialogo fra la dimensione produttiva ed industriale dei quasi 2000 mq della proprietà e le esigenze di coordinare spazi abilitatori di diverse tipologie di interazione, diversi livelli di privacy e numerosi scenari di sovrapposizione tra pubblico di eventi simultanei, lavoro collaborativo, coworkeers sia negli uffici privati che nelle zone libere.

Slow/d è Partner ufficiale di MUG Bologna; il nostro Andrea Cattabriga è inoltre stato coinvolto nell'Advisory Board internazionale che accompagnerà il progetto nei primi anni.

Parliamone

Troviamo la soluzione giusta, insieme.

Iniziamo
×